Le Pillole di Nyx: Serpent and Dove – la strega e il cacciatore di Shelby Mahurin

Per trama e info: https://amzn.to/36daVAa

Ciao lettori, oggi, finalmente, riesco a parlarvi del famigerato Serpent and Dove – la strega e il cacciatore di Shelby Mahurin. Lo aspettavo da mesi e appena hanno definito la pubblicazione mi sono fiondata a comprarlo.

E in quell’istante la collera mi abbandonò. Le mani mi ricaddero lungo i fianchi. Flaccide. Le spalle si incurvarono… sconfitte.
Non avevo mai avuto scelta. Fin dal primo istante in cui l’avevo vista alla parata – con quei ridicoli baffi e gli atti da uomo – il mio destino era segnato.
La amavo. Nonostante tutto. Nonostante le bugie, il tradimento, il dolore. Nonostante l’arcivescovo e Morgane le Blanc. Nonostante i confratelli. Non sapevo se lei ricambiasse quell’amore, e non mi importava.
Se era destinata a bruciare all’inferno, sarei bruciato con lei.

Nonostante la mia impazienza di leggerlo, se devo essere onesta, non pensavo potesse piacermi così tanto; per qualche strana ragione ho iniziato questa lettura con qualche riserva, la cover mi aveva totalmente rapita – ragione per cui ho preso il cartaceo – ma la trama presentava qualcosa di accattivante misto a una leggera e apparente noia, almeno per me.

Felice di annunciarvi di essermi totalmente sbagliata. Badate, per una buona parte del libro non c’è molta azione, piuttosto un alone di mistero intrecciato a elementi accennati di fantasy. Nella prima fetta, infatti, l’autrice si concentra nel farci conoscere i personaggi, l’ambientazione e, grazie al POV alternato, ci permette di comprendere i nostri protagonisti, le loro scelte e le azioni che li hanno portati al quel punto.

Lou e Reid non potrebbero essere più diversi di così: laddove Reid rappresenta la quiete, Lou incarna la turbolenza, se potesse essere una persona.

Sboccata, priva di filtri, coraggiosa, insolente, chiassosa, compassionevole e buona, Lou è l’anima della festa. Un personaggio che mi è piaciuto tantissimo. L’ho letteralmente amata e per quanto mi sia innamorata anche di Reid, è lei la vera protagonista indiscussa.
Dal canto suo, Reid fa la sua non tanto modesta figura. Alto due metri, muscoloso e con i capelli ramati, le sue doti non si fermano di certo all’aspetto fisico. Onesto, gentile e dolce è l’uomo perfetto ma, purtroppo, anche uno chasseur ossia un cacciatore sotto il comando dell’arcivescovo, l’uomo che lui reputa come un padre. Ligio al dovere e alle regole ha votato la sua vita a un unico scopo: estirpare il male, che in questo caso sono proprio le streghe.

I due protagonisti si incontreranno in circostanze ambigue, tanto da costringerli in matrimonio. Le cose tra i due inizieranno in modo catastrofico fino a quando, però, i loro sentimenti negativi si trasformano in amore. Ma cosa accadrà quando Reid scoprirà che la sua adorata moglie altri non è che una di quelle creature che ha sempre odiato? E se tutte le persone a lui care si rivelassero essere diverse da quello che ha sempre creduto?

Niente è bianco o nero. Nessuno è buono o cattivo. Non esiste vittima o carnefice. Tutte le carte in tavola verrano sparse e ogni certezza verrà violata. Amo i libri di questo genere, sono, infatti, tra quelli che preferisco, essendo una ferma sostenitrice del grigio.

In una lotta tra chiesa e occulto che dura da secoli, questo libro è un climax di sentimenti discrepanti. Shelby Mahurin è indiscutibilmente un’abile scrittrice e con questo primo libro getta le basi per i romanzi successivi.

Come sempre, non mi smentisco mai e inizio a leggere i libri di cui non hanno ancora pubblicato i volumi successivi ma proprio non mi trattengo, è un vizio che mi porterò sicuramente anche in vecchiaia. Perciò con rammarico e tristezza, a causa del cliffhanger, vi saluto consigliandovi, senza ombra di dubbio, questo primo capitolo della serie Serpent & Dove.

Alla prossima avventura readers.

Pubblicato da Claudia

Avida lettrice, amo leggere qualsiasi cosa. I romanzi fantasy, però, avranno sempre un posto speciale nel mio cuore. "Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un'anima, l'anima di chi l'ha scritto e di coloro che l'hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie ad esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza." L'ombra del vento di Carlos Ruiz Zafòn

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: